Analisi dei principali mercati al 6 Luglio 2019

Si è conclusa positivamente la prima settimana del secondo semestre dopo i timori della scorsa ottava relativi all’esito dell’incontro Trump/Xi.

Tutti i listini hanno guadagnato oltre l’1% con Milano che invece, grazie allo scampato pericolo della lettera di infrazione da parte della UE, ha festeggiato guadagnando oltre il 3.5%. Volumi sotto la media su tutte le piazze, ricordiamo che Wall Street è stata chiusa giovedi 4 luglio per la festa dell’Indipendenza e che la seduta precedente aveva avuto un orario ridotto. Venerdi sono usciti dati sul lavoro USA sopra le attese e ciò ha ridimensionato le attese per un taglio dei tassi da parte della FED, benchè vi siano opinioni contrastanti a riguardo. Certo un taglio di 50 punti ( atteso dal mercato prima del dato NFP) a queste condizioni pare impossibile, rimangono possibilità per un taglio di 25 punti anche se a questo punto dipenderà molto dalle ingerenze e pressioni di Trump sulla stessa FED, dopo che in questa settimana ha nominato 2 nuovi membri che ovviamente sono in linea con i suoi pensieri. Vedremo cosa deciderà di fare la FED nella riunione di fine mese, tutto sommato vi è ancora del tempo per analizzare altri dati economici. Con l’ingresso di luglio e l’inizio del periodo di ferie i volumi sui listini dovrebbero calare sotto la media, pertanto potrebbe aumentare la volatilità e tutto andrà analizzato con maggio attenzione. Rimane da monitorare con attenzione la questione IRAN, con il sequestro di una loro petroliera a gibilterra.

Brillante performance di Piazza Affari ( + 3.53% con saldo 2019 a + 19.98%) che disegna una nuova candela ad ampio range ( superati i 900 punti) e testa con precisione importanti livelli.

Ha aperto in prossimità del massimo della ottava precedente, scendendo poi quasi al close della stessa testando il livello di supporto, per poi partire al rialzo dopo la conferma che non ci sarebbe stata lettera di infrazione da parte della UE e andare al test della resistenza, per poi chiudere poco sotto il livello psicologico dei 22mila punti e poco sopra la precedente chiusura sui massimi di metà aprile. Peraltro a Milano i volumi sono stati in media ed in deciso aumento rispetto alla ottava precedente, segno che nonostante il periodo Milano sia tornata interessante per gli operatori di mercato. Vedremo nella prossima ottava se il nuovo supporto in area 21800 terrà o se sarà necessario tornare ad un test dall’alto dei 21500 per riprendere l’attacco alla forte resistenza dei 22200 punti, area che giusto 12 mesi fà si mostrò invalicabile.

Analisi Tecnica FTSE-Mib Settimanale al 06 luglio 2019

Analisi Tecnica FTSE-Mib Settimanale al 06 luglio 2019

Prosegue il trend positivo del DAX ( + 1.36% saldo 2019 a + 19.03%) che apre la settimana in gap up oltre i 12600 punti per poi andare al test della resistenza sui 12650 da cui però è stato respinto.

A quel punto ha iniziato a scendere, è arrivato al test dall’alto dei 12500 punti e seppure li abbia forati poi non ha avuto la forza di scendere a chiudere il gap ed ha chiuso a 12568, ben al di sopra della ex resistenza ed ora supporto dei 12500 punti. Graficamente leggiamo un bel segnale di forza per quanto non accompagnato da volumi in media ed in calo rispetto alla precedente ottava, anche se avremmo sinceramente preferito che quel piccolo gap venisse chiuso. Come è evidente dal grafico l’impostazione del DAX è migliore di quella di Piazza Affari in quanto l’attuale massimo è nettamente superiore al massimo relativo precedente rafforzando pertanto il trend rialzista con massimi crescenti. Vedremo nella prossima ottava se prevarranno i compratori e quindi ci si preoccuperà della resistenza in area 12650 per puntare poi al ritorno in area 13mila punti o se invece quel piccolo gap eserciterà la sua attrazione per cui ci sarà un retest almeno in area 12400 e solo a quel punto il mercato valuterà se riprendere il trend rialzista appena confermato.

Analisi Tecnica DAX Settimanale al 06 luglio 2019

Analisi Tecnica DAX Settimanale al 06 luglio 2019

Settimana di nuovi massimi storici per Wall Street nonostante i volumi ridotti per la chiusura in occasione della festa della Indipendenza.

Il Dow Jones ( + 1.21% e saldo 2019 a + 15.41%) tocca un nuovo massimo storico a 26966 e vede per la prima volta la chiusura settimanale sopra i 26900 punti. La chiusura sopra la resistenza però non deve far cantare vittoria troppo presto, si è appena sopra il livello mentre i volumi sono nettamente sotto la media. Aspettiamo di vedere come procederà la prossima ottava, se anche essa si confermerà sopra il livello e con volumi tornati nella media allora potremmo iniziare a parlare di nuova possibile gamba rialzista verso territori inesplorati e farci prendere dalla “suggestione” di quel testa e spalle rialzista…. che però è una figura che ha significato quando si forma sui minimi, non certo sui massimi storici ! Nuovo massimo storico anche per il Nasdaq ( + 2.21% e saldo 2019 a + 23.88%) a 7857 punti, giusto una manciata di punti sopra i due massimi perfettamente allineati a 7851 tra fine aprile e primi maggio. Per 4 punti invece non possiamo parlare di migliore chiusura settimanale di sempre ma anche qui i volumi sono stati molto sotto la media, pertanto tutti i discorsi andranno aggiornati quando torneremo a vedere volumi nella normalità. Certo l’apertura in gap e la successiva chiusura per poi tornare sui massimi depone a favore della forza, ma preferiamo essere cauti ed attendere conferme. Primo supporto in area 7700 punti mentre la prima resistenza potrebbe essere la psicologica quota 8mila. Decisamente più chiaro il grafico del S&P500 ( + 1.65% e saldo 2019 a + 19.29%) che ha aperto in gap up, è sceso a chiuderlo in maniera perfetta ( per 2 punticini…) per poi riprendere la salita e andare a chiudere a 2990 punti 5 punti sotto il massimo storico intra. Area 3mila punti è alle porte, il numero tondo è importante, tutti gli occhi del mondo sono puntati su questo indice che viene ritenuto il listino di riferimento…….Un breakout confermato in close e con volumi che tornino nella normalità potrebbe dare il via ad un rally estivo per i mercati finanziari, immaginiamo pertanto quali pressioni riceverà la FED da parte della Casa Bianca per un taglio dei tassi ! Sarà un interessante mese di luglio da seguire sui mercati finanziari !

Analisi Tecnica Dow Jones Settimanale al 06 luglio 2019

Analisi Tecnica Dow Jones Settimanale al 06 luglio 2019

Analisi Tecnica S&P500 Settimanale al 06 luglio 2019

Analisi Tecnica S&P500 Settimanale al 06 luglio 2019

Analisi Tecnica Nasdaq Settimanale al 06 luglio 2019

Analisi Tecnica Nasdaq Settimanale al 06 luglio 2019

Buon trading!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Per legge, Mac Trader informa che questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo.

Chiudi