Analisi dei principali mercati al 02 Giugno 2019

Analisi dei principali mercati al 02 Giugno 2019

Prosegue la fase di risk-off sui mercati, nuova settimana di chiusure in rosso pesante per tutti i listini che seguiamo, con l’irrigidimento delle posizioni della Cina nei confronti degli USA, i quali a loro volta aprono nuove ostilità verso il Giappone e verso il Messico ( con il quale era stato appena raggiunto un accordo ! ) mediante applicazione di dazi che partiranno al 5% per arrivare entro la fine dell’anno al 25%. Pare che Trump abbia deciso di fare la sua campagna elettorale su scala mondiale. Nel frattempo giungono notizie che in Corea del nord, Kim abbia fatto giustiziare a marzo scorso 5 suoi negoziatori rei di non aver trovato un accordo con gli USA…….Non ultimo tra i motivi che hanno reso incerta la settimana sui mercati finanziari la lettera che la UE ha inviato all’Italia e poi sullo sfondo rimane una tragicomica Brexit.

Nuova pesante battuta d’arresto per Piazza Affari (- 2.81% e saldo 2019 a + 8.07%) che perde in veloce successione i supporti in area 20200 e 20mila per andare al test di area 19500.

La tenuta di questo livello ha portato il nostro indice a chiudere appena sopra area 19800 punti e con volumi sostanzialmente in media e in leggero calo rispetto l’ottava precedente. In buona sostanza il FTSE ha ritracciato il 50% della salita da inizio anno ai massimi di aprile e vista anche la valenza del livello supportivo potremmo assistere nella prossima ottava ad una fase di consolidamento. Molto dipenderà però dall’eventuale inasprimento delle relazioni commerciali a livello globale e nello specifico della risposta che la UE darà alla missiva di ritorno inviata dal governo italiano. Abbiamo riportato sul grafico un livello in area 19200 punti che potrebbe essere un ulteriore livello di supporto mentre come livelli di resistenza abbiamo ora i livelli a 20mila e a 20200, con i 20500 sullo sfondo. Prima di pensare ad un recupero , che al momento pare lontano tanto quanto fine giugno quando vi sarà il G20 ed i presidenti si incontreranno, è auspicabile che i mercati formino una base di assestamento da cui poi partire in caso di atteso e auspicato accordo commerciale globale.

Analisi Tecnica FTSE-Mib settimanale al 02/06/2019

Analisi Tecnica FTSE-Mib settimanale al 02/06/2019

Neanche il DAX ( – 2.36% e saldo 2019 a + 11.06%) si è potuto esentare dalla debacle mondiale dei listini

Dopo non essere riuscito a passare sopra la ribassista ha schiantato anche il supporto statico sui 12mila punti per scendere fino ad un minimo di 11660 punti circa, rimanendo però sopra il gap up di inizio aprile e il supporto in area 11500. Contrazione dei volumi sotto la media e questo potrebbe essere un segnale positivo, non si è assistito al selloff. Vedremo se nella prossima ottava scenderà ancora a chiudere il gap e poi a testare il livello supportivo sopra menzionato o se invece cercherà una minima reazione per riportarsi verso la prima resistenza di rilievo in area 12mila punti. Appare evidente che il DAX abbia ritracciato percentualemente meno di Milano e ciò si evince anche dal fatto che il guadagno da inizio anno sia ora maggiore per il listino tedesco che nelle ultime 4 settimane ha invertito la classifica con Piazza Affari.

Analisi Tecnica DAX Settimanale al 02/06/2019

Analisi Tecnica DAX Settimanale al 02/06/2019

Perdono i supporti il Dow Jones ( – 3.01% e saldo 2019 a + 6.38%) e lo S&P500 ( – 2.61% e saldo 2019 a + 9.78%) mentre il Nasdaq ( – 2.37% e saldo 2019 a + 12.61%) vi si ferma con precisione

La grande differenza dei listini USA con quelli europei e che questi ultimi hanno disegnato una piccola lower shadow mentre a Wall Street hanno chiuso in prossimità dei minimi della settimana. Del resto è di venerdi il tweet di Trump che annuncia i dazi contro il Messico dopo che era stato raggiunto ( ma non ancora ratificato) un accordo con loro e il Canada per sostituire il vecchio accordo Nafta. La grossa paura dei mercati guarda al fatto che pur raggiungendo un accordo poi il presidente USA si senta libero di rinnegarlo o rinegoziarlo a piacere e ciò rende i mercati estremamente nervosi. Dopo aver dato rassicurazioni che gli accordi con la Cina proseguivano ed erano in via di risoluzione Trump ha ribaltato la situazione, con il Messico stà facendo lo stesso, insomma i mercati temono che qualsiasi accordo possa essere raggiunto venga poi negato o rinegoziato in una farsa infinita. Come abbiamo scritto nella introduzione i Cinesi si sono stancati e si stanno irrigidendo nelle posizioni, minacciano a loro volta di non vendere agli USA la quantità di terre rare loro necessarie, di non acquistare tutta la soia che stanno acquistando e pare stiano cercando accordi con Europa e Russia per isolare commercialmente gli USA. Mai come adesso serve che la buona vecchia diplomazia faccia un passo avanti…….

Analisi Tecnica settimanale Dow Jones 02/06/2019

Analisi Tecnica settimanale Dow Jones 02/06/2019

Analisi Tecnica settimanale Nasdaq 02/06/2019

Analisi Tecnica settimanale Nasdaq 02/06/2019

Analisi Tecnica settimanale S&P500 02/06/2019

Analisi Tecnica settimanale S&P500 02/06/2019

Buon trading!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Per legge, Mac Trader informa che questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo.

Chiudi